giovedì 28 marzo 2013

Intervista con Laura Zuccarello.

Buongiorno a tutte/i,  come accennato qualche giorno fa, ho intenzione di aprire una nuova rubrica che sarà pubblicata ogni due settimane e più precisamente il mercoledì . Si tratta di interviste a donne che stimo e creatrici serie e professionali. Lo scopo di questa rubrica è quello di far conoscere donne capaci e di carattere e, di promuovere la creatività in modo serio e valido.

LAURA ZUCCARELLO




Intervista fatta da Nikicijevic Natasha.

Biografia:

Varesina di nascita, Laura Zuccarello è figlia d'arte con la mamma pittrice ed 
il papà artigiano. Dopo il diploma di Stilista di Moda, ha lavorato per diversi 
anni in uno studio milanese che si occupava di consulenze stilistiche per le 
grandi firme della moda. Grazie a questa esperienza, ha potuto conoscere il 
dietro le quinte di questo settore. E' stata anche assistente costumista per il 
cinema ed il teatro. 
Da sempre interessata alle civiltà arcaiche, nel 1997 è stata nelle riserve 
Navajo e Hopi per effettuare una ricerca sugli Indiani d'America, ricerca che 
prosegue tutt'ora tramite la lettura di libri e approfondimenti. 
I suoi interessi spaziano in diversi campi: dalla pittura alla scultura (in 
particolare la ceramica raku), fino alla fotografia e al graphic design. Da 
alcuni anni si occupa anche di restauro e decorazione. 
E' mamma di due bambini, Tommaso e Filippo, di 12 e 9 anni.
Da circa 3 anni scrive i suoi due blog Decoranticart (Arte e Antiquariato) e 
Ali di polvere (Fotografia e Home decor).


- Buongiorno Laura. Dopo un percorso come consulente stilistica per grandi 
firme della moda, assistente costumista per cinema e teatro, pittrice e 
restauratrice di mobili, quale tra questi interessi ti appassiona e rispecchia 
di più?

Ciao Natasha, è un vero piacere essere ospite nel tuo blog e grazie per 
questa opportunità.
Ho sempre avuto la passione per la pittura, fin da piccola, grazie alla mamma 
pittrice. Non ricordo un periodo della mia vita in cui non abbia disegnato o 
dipinto. Proprio per questo ho deciso di frequentare la scuola di Moda: ho 
lavorato in uno studio di consulenze stilistiche circa venti anni fa, dopo il 
diploma di Stilista. A quel tempo era la mia passione: scegliere i campioni di 
stoffa, disegnare modelli, per non parlare del dietro le quinte delle sfilate: 
davvero un mondo magico. Poi, però, i miei interessi sono cambiati, forse 
perchè sono cresciuta. Sono diventata mamma di Tommaso e Filippo, la mia fonte 
di ispirazione, ed ho iniziato a coltivare l'interesse per l'home decor, con il 
recupero di mobili usati. Non solo shabby chic, ma ogni stile mi suggerisca la 
fantasia. Avere un padre artigiano aiuta molto. Attualmente i miei interessi 
principali sono il restauro e la decorazione, ma non abbandono l'arte che amo 
infinitamente.

- Sappiamo che hai effettuato delle ricerche sugli Indiani d' America e che 
sei stata nelle riserve Navajo e Hopi. Cosa ti ha spinto a fare queste ricerche 
e qual'è la conclusione che ne hai tratto?

 Io penso che le passioni nascano da bambini. Come per l'arte, anche quella 
per gli Indiani è nata quando ero piccola, grazie ad una biografia su 
Pocahontas regalatami al mio sesto compleanno. Da grande ho avuto la fortuna di 
visitare il sud ovest degli Stati Uniti. Consiglio a tutti, se avete 
l'occasione, di fare un viaggio così: una delle più grandi emozioni della mia 
vita è stata stringere la mano ad un Nativo americano, parlare con lui, 
ascoltare la sua storia. Ho visitato Santa Fe ed il Museo di Arte dei Nativi, 
ma la Monument Valley al tramonto è qualcosa di indescrivibile. Il mio mondo 
indiano è sempre nel mio cuore, anche se ne parlo raramente, quindi grazie 
Natasha per avermene dato l'occasione. Ho imparato molto da questo viaggio e 
dagli Indiani: ho imparato l'umiltà e l'amore ed il rispetto per ogni forma di 
vita, anche la più piccola.

- Sei una donna dai mille interessi e molto professionale, ma qual'è la cosa 
che più ti rende felice artisticamente parlando?

 Cosa mi rende felice artisticamente........ credo fatto di potermi 
esprimere liberamente, senza costrizioni. Mi rende felice trovarmi davanti ad 
una tela, o ad un mobile da rimettere a nuovo...non importa quale sia il 
supporto, a volte anche una pagina bianca....ed avere la possibilità di 
trasformarlo con qualcosa che viene da dentro di me.

- Secondo te la felicità si può raggiungere attraverso le proprie passioni?

 Assolutamente sì, proprio per i motivi che dicevo prima. E se non è la 
felicità vera e propria, sicuramente sono serenità ed equilibrio interiore.

- Sei un amante degli animali e ami molto le farfalle. Se potessi essere una 
farfalla, di quali colori sarebbero le tue ali?

Nella vita di tutti i giorni sono molto timida, anche se, forse, non 
sembra. Esiste una farfalla che si chiama Greta Oto, viene chiamata anche 
"Farfalla con le ali di vetro" perchè le sue ali sono trasparenti e le danno la 
possibilità di mimentizzarsi con l'ambiente circostante. Ecco, penso di essere 
un pò come lei: non sono un tipo da colori sgargianti perchè non amo attirare 
l'attenzione, lo faccio solo per lavoro, ma per quanto riguarda la sfera 
personale sono molto riservata. Su internet è facile trovare immagini molto 
belle di questa farfalla.

- Una farfalla vola libera. Cos'è per te la libertà?

 E' la possibilità di svegliarmi al mattino e poter creare ciò che ho 
pensato e sognato, ma anche la possibilità di condividerlo con gli altri. Per 
me il rapporto con gli altri è fondamentale.

- Come ti immagini tra dieci anni?

 Ho sempre detto che tra dieci anni non mi vedo dove vivo ora, cioè a 
Varese. Tra dieci anni i miei bambini saranno uomini, in questo periodo di 
tempo devo aiutarli a trovare la loro strada nel mondo, ma tra dieci anni 
vorrei tornare in un luogo che pochi conoscono: si chiama Taos, vicino Santa 
Fe. Molti artisti americani vivono lì....ed anche una parte di me ;)

 - C'è qualcosa che vorresti dire alle altre donne? 

Vorrei dire alle altre donne di credere fortemente in loro stesse. Non pensate 
mai "io non sono capace", non delegate, ma contate su voi stesse. Noi donne 
abbiamo un grande potenziale, in ogni campo. Faccio un esempio: quando ho 
iniziato a conoscere questo mondo dei blog non ne sapevo nulla di grafica, di 
layout, di contenuti. Non mi sono appoggiata ad altri e sai perchè? Perchè non 
avevo nessuno su cui farlo. Questo mi è stato da stimolo per imparare da sola, 
sbagliare e ritentare. Adesso ho due blog che mi danno molta soddisfazione 
grazie ai quali ho conosciuto tante amiche. Questo non vale solo per i blog, 
naturalmente, ma per ogni aspetto della vita.

La pagina Facebook di Laura: Ali-di-Polvere-by-Decorantic
Ringrazio Laura, per avermi dedicato il suo tempo e per averci mostrato un po' del suo mondo meraviglioso.


A presto. Niki

19 commenti:

  1. <3
    Grazie ad entrambe! molto interessante!
    a mercoledì prossimo
    Anna

    RispondiElimina
  2. Il mondo delle donne cosi' frequentemente ignorato esplode in una montagna di esperienze e di duttilita' e versatilita' che farebbe impaurire ogni uomo..son di parte lo so ma e' cosi'...Laura si e'fatta " le ossa" e continua...si va avanti si prova e se si prende una cantonata beh si riprova con piu' testardaggine... bella la sua storia che avra' molte pagine ancora da aggiungere al suo libro e grazie a te ora e' anche un po' nostra di tutte noi che con piu' o meno fatica crediamo in um mondo fatto di queste cose ...abbiamo da sempre deposto le armi e la violenza...VOGLIAMO URLARLO A TUTTO IL MONDO...NOI SIAMO IL FUTURO
    SUSANNA

    RispondiElimina
  3. Una bellissima intervista, Laura è una persona che mi piace molto e sono contenta di aver avuto modo di conoscere anche te.
    Buona giornata.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono felice che l'intervista ti sia piaciuta. Sono felice di conoscerti. Buona giornata a te. :)

      Elimina
  4. Una meravigliosa intervista, amica mia! Grazie alla quale possiamo conoscere meglio Laura, la sua tenacia e la sua timidezza! e grazie alla quale si scorge anche la tua meravigliosa anima combattiva e delicata! Un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei splendida e ti ringrazio di cuore.Un abbraccio.

      Elimina
  5. Niky cara, conosco bene sia te che Laura...OTTIMA la bella collaborazione!
    Un abbraccio e complimenti ad entrambe! Bacio. NI
    AUGURIIIII! NI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, cara Ni. Laura è una persona fantastica e creativa delicata e sensibile.Un abbraccio grande.

      Elimina
  6. Cara Natasha, care amiche eccomi qui.

    E' stato un piacere parlare di me con Natasha perchè la sua sensibilità e la sua generosità ispirano fiducia e sono d'esempio, quindi ho subito accettato. Amo vivere fino in fondo ogni esperienza, per questo la mia vita è piuttosto intensa ;-).

    Ti ringrazio ancora Naty, qui sul tuo bellissimo blog per avermi dato l'opportunità di raccontarmi, e grazie a voi per i commenti che toccano il mio cuore!!!
    Auguri a tutte, che sia una Pasqua serena e felice!!

    Un abbraccio grande!
    Laura

    RispondiElimina
  7. Conosco Laura, ma solo virtualmente e questa bellissima intervista ci ha svelato qualcosa di più del suo mondo...grazie Naty!!!
    Ne approfitto per farti tanti auguroni di buona Pasqua...in barba al tempo inclemente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara amica mia, grazie! Un grande abbraccio. :)

      Elimina
  8. Complimenti cara Naty per questa brillantissima idea!
    E' un accrescimento impagabile poter leggere un'intervista come quella che tu e laura ci avete regalato...
    Complimenti ad entrambe per la bravura, la tenacia, la creatività che dimostrate in ogni momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore tesoro! Tu sei come noi e, lo sai! Un bacio grande.

      Elimina
  9. Bellissima intervista, interessante e con domande non banali ma che spingono a vedere nel profondo. Vi accomuna certo la sensibilità!
    Un abbraccio
    Bogomilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Bogomilla. E un meraviglioso complimento, quello di non avere posto domande banali, era proprio uno dei due motivi per il quale mi sono impegnata di più. Il secondo è come dici tu, quello di vedere nel profondo, senza però risultare invadente. Un abbraccio.

      Elimina
  10. Complimenti ragazze! È sempre piacevole leggere e scoprire qualcosa di più di un'artista bravissima come Laura.
    Naty hai avuto una bellissima idea :-)
    Vi immagino sedute in un salottino a chiacchierare, con intorno i mobili rinati dalle mani di Laura!
    Baciotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Eli! :) Era proprio questo il mio intento: ricreare un'intervista seria in un ambiente confortevole.

      Elimina
  11. Oi seu blog é muito lindo!!
    Visite meu blog tambem e se gostar me siga!!!

    http://zenilda-tempodeamar.blogspot.com.br/

    Beijos

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Pin It button on image hover