giovedì 30 maggio 2013

Come si fa e cosa si potrebbe fare. Idee creative.

Buongiorno amiche e amici miei. Ultimamente sono un po' assente sia dal mio blog che dai vostri per diversi motivi, ma oggi avevo desiderio di postare qualche cosa di interessante per tutte noi. Spesso arrivano dei periodi in cui non troviamo la giusta ispirazione o l'idea giusta per creare qualche cosa che ci piaccia e ci ci faccia creare. A voi capita? A me ultimamente spesso e mi sembra che invece tutti/e producano a livello quasi industriale anche giornalmente e allora mi sento ancor più frustrata. Il web è grande fonte di spunti interessanti, a volte forse troppi, così, invece di aiutarci a trovare l'idea giusta ci confonde ancor di più. Però rimane comunque un aiuto non da poco, quindi vi lascio queste foto con i link, sperando che vi piacciano e forse possano essere d'aiuto.


                                         http://pinterest.com/pin/254383078924394755/


                                       http://pinterest.com/pin/254383078924232888/



                                      http://pinterest.com/pin/254383078923795232/




                                      http://pinterest.com/pin/254383078923700601/




                                 http://pinterest.com/pin/254383078922828477/



                                     http://pinterest.com/pin/254383078922828339/




                                 http://pinterest.com/pin/254383078922765189/




                                 http://pinterest.com/pin/254383078924498415/



Spero, che questa carrellata di immagini la troviate perlomeno interessante e magari qualch'una vi sia d'ispirazione. Avrete notato che sono tutte prese da Pinterest. Sarò all'antica, ma Pinterest rimane il  mio sito preferito, nonostante che ora ce ne siano molti nuovi simili a lui.

A presto. Niki

martedì 28 maggio 2013

Intervista a Luisa ( Lulù) Portinari.

Buongiorno. Oggi facciamo conoscenza con Luisa ( Lulù) Portinari. Delicata creatrice di bijoux, donna intelligente e generosa, ma nello stesso tempo molto tenace.


Intervista fatta da Nikcijevic Natasa.







1- Buongiorno Lulù. Ami creare gioielli raffinati, curati nel dettaglio e unici. Non credi che ci sia troppa concorrenza in questo campo?

Effettivamente nel campo della bigiotteria handmade c’è molta concorrenza, e questo può essere un problema sotto molti aspetti. La cosa fondamentale da fare per evitarla è essenzialmente una: trovare il proprio stile e seguirlo. Avere uno stile particolare fa si che le persone riconoscano al primo sguardo una tua creazione. È un marchio di fabbrica che attira l’attenzione e che distrugge il sistema concorrenziale.

2- Credi che oggi sia possibile inventare qualche cosa che ti possa contraddistinguere dagli altri creativi del bijou?

Se si ha fantasia tutto è possibile. La fantasia è l’ingrediente principale per creare il proprio stile, che è ciò che ti contraddistingue dagli altri creativi del bijoux. Io penso di avere già trovato un mio stile, molto personale, perché unisce la mia passione per la moda a quella per la creazione dei bijoux. La mia abilità nel lavorare con le stoffe si unisce a diverse tecniche di creazione di bigiotteria (come il wire) per dar vita a gioielli e accessori che rispecchiano il mio modo di essere, che sono anche espressione del mio percorso di vita, avendo lavorato per molti anni nel campo della moda.

3- Usi diversi materiali e tecniche. Puoi dirci, qual' è il materiale che ami di più e la tua tecnica preferita?

La mia tecnica preferita rimane il wire, lo trovo elegante e allo stesso tempo particolare. Si adatta a qualsiasi tipo di stile. Per quanto riguarda i materiali non ne ho uno preferito, mi piace lavorare con tutti indistintamente, mi piace abbinarli e armonizzarli in ogni mia creazione. I metalli che uso più spesso sono l’argento e il rame, ai quali ultimamente si è aggiunto anche l’alluminio, mentre i tessuti che utilizzo in gran quantità sono la seta e la pelle. Sono un’amante delle pietre dure, e in ogni mio gioiello sono sempre presenti, spesso unite anche a cordoncini colorati.

4- Sappiamo che i tuoi gioielli hanno partecipato ad una sfilata di moda il 14 Aprile 2013 a Agrate Brianza. Puoi descriverci questo evento?

Questo evento è stato organizzato dal comune di Agrate Brianza per poter mettere in mostra quanto i vari commercianti del paese hanno da offrire. La cosa più bella che ha reso questo evento speciale e unico,è che a sfilare sono state persone comuni: studenti, madri, padri, lavoratori, bambini, e non modelle perfette .Io sono stata contattata tramite la mia parrucchiera che espone le mie creazioni. Mi è stata data l’opportunità di far sfilare i miei gioielli nonostante non sia una commerciante di Agrate perché il mio stile si adattava bene ad alcuni dei vestiti che hanno partecipato alla sfilata.  È stata un’esperienza fantastica, e spero di potervi partecipare anche a settembre. Dopo la buona riuscita della prima sfilata, appunto quella del 14 aprile 2013, si è deciso di fare questo tipo di evento due volte l’anno.


5- Molte creative hanno un sogno nel cassetto, il tuo potrebbe essere quello di designer di moda?


Effettivamente, quello di diventare designer è sempre stato il mio sogno, sin da quando ero piccola. Mi è sempre piaciuto creare vestiti. Quando ero alle scuole medie, durante le lezioni di applicazione tecnica, disegnavo gonne, borse, vestiti, tagliavo le stoffe e, con l’aiuto della mia insegnate, le cucivo e poi le utilizzavo. Ho imparato a lavorare a maglia e uncinetto, in seguito, anche a ricamare. Facevo maglioni, sciarpe, ricamavo pantaloni e le borse che creavo io stessa. È sempre stata la mia passione.
Purtroppo non ho avuto la possibilità di frequentare una scuola di moda a causa dello scetticismo dei miei genitori a riguardo. È anche per questo che, quando ho iniziato a lavorare, sono andata in un negozio di abbigliamento.
Penso di non avere più le capacità adatte per perseguire il mio sogno, e creare gioielli è la cosa che più vi si avvicina.

6- Presti molta attenzione ai vari trand della moda?

Compro spesso giornali di moda per vedere quali sono i trend delle varie stagioni, oltre per cercare spunti o ispirazione per le mie creazioni. Certo è che la moda spesso è esagerata, e quando non incrocia il mio gusto personale tendo a non seguirla,o a modificarla a mio gusto personale e  creare qualcosa di diverso. Stesso ragionamento che seguo quando vedo che qualcosa va troppo di moda. Non mi piace avere o fare cose che hanno o fanno tutti. Amo distinguermi dalla massa. E questo mio discostarmi dalla moda spesso mi ha portato ad anticipare la moda stessa. Mi è capitato un anno di aver fatto una parure collana e orecchini in argento e pon pon di visone e vedere, pochi mesi dopo, una collana del tutto simile su un giornale di moda.
Adesso ho fatto delle bretelle gioiello, anche perché c’è un anticipo delle bretelle su Vogue, staremo a vedere.

7- Sei una donna forte, determinata, ma anche dolce e delicata. Qual'è la cosa che ti rende più serena e felice?

Quello che mi rende felice sono la mia famiglia, in particolare i miei figli. Il supporto che, in particolar modo loro, mi danno mi rende felice. Avere qualcuno che crede in te, in quello che fai è bello ed è molto stimolante, come  anche i commenti che mi lasciano su Facebook o sul blog .Questo mi spinge ad andare avanti, a migliorarmi.

Qui avete i link per poter conoscere meglio Lulù:

Il Blog: http://lunadargentodilulu.blogspot.it/

Pagina Facebook:  https://www.facebook.com/pages/Luna-dArgento-di-Lulu/113694785386336


Vi aspetto il prossimo mercoledì, con una nuova intervista. Niki

mercoledì 22 maggio 2013

Buongiorno. Oggi voglio presentarvi Morena Gozzi. Una donna intelligente, riservata, ma anche molto determinata e che non perde tempo in chiacchiere inutili.

Intervista fatta da Nikicijevic Natasha




 1- Buongiorno Morena.Sei una donna tranquilla e saggia. C'è qualche cosa che riesce a sopprimere queste due virtù e farti perdere un po' della tua ponderatezza?

Ciao Natasha, per prima cosa ti Ringrazio di cuore per aver pensato a me, ne sono lusingata e felicissima. In merito alla domanda posso dirti che non sopporto la maleducazione, la mancanza di rispetto verso il prossimo e la volgarità ma più una cosa mi disturba più riesco a mantenere la calma per fare le dovute rimostranze sempre in modo molto calmo, unica cosa che cambia in me è il modo in cui parlo, scandisco meglio le frasi ed ho il dito indice della mano sinistra alzato!!!

2- Sei nata in Inghilterra, questo fatto ti influenza in qualche modo? 

Di certo ho molte sfaccettature che sono tipicamente anglosassoni, i miei genitori tornati in Italia hanno sempre mantenuto quelle tradizioni inglesi che io e mio fratello abbiamo vissuto fin dalla nascita e sono radicate profondamente in me.

 3- Sei una giovane nonna. La nascita del tuo nipotino, ti ha cambiata un po' come donna? 

Sono sempre la stessa Morena, mamma, compagna, casalinga "non convenzionale" ma con un'Amore in più nella mia vita, Simone.
E….sicuramente sono anche una nonna "non convenzionale" 
Mentre lo porto a spasso canto per lui a voce alta, faccio assieme a lui urletti e pure le pernacchie !!!!

4- Sei una persona molto indipendente. Se potessi pensare esclusivamente a te stessa, senza essere influenzata da nessuno, faresti qualche " follia"?

Qualche follia???
No, non penso di esserci portata, l'unica cosa che potrei fare sarebbe quella di prendere un'aereo per visitare l'Islanda senza preoccuparmi del periodo in cui prenoterei il volo pur sapendo che freddo fa in quell'isola per parecchi mesi….
Ma più che una pazzia è il mio sogno da quando avevo 8 anni e…so che un giorno prenderò quell'aereo.

5- Ami ricamare, inventi schemi per chi ama il punto croce e non solo, dipingi su stoffa e molto altro. Qual'è la tua vera passione?

Il ricamo è la mia Passione e creare schemi a punto croce mi diverte tantissimo.

6- C'è qualche tecnica creativa che vorresti imparare?

Nella creatività vorrei avvicinarmi a tante tecniche ma……. l'ago è l'unico oggetto che riesco ad usare decentemente. 
Io e la manualità siamo totalmente all'opposto!!!!

7- Adori le farfalle che sono insetti che rispecchiano la libertà e la leggerezza. Tu ti senti libera e leggera?

Amo leggerezza e libertà…...
Non ho scarpe che mi vanno strette….

Qui potete vedere le creazioni di Morena e conoscerla meglio:

Blog: http://morena-unpuntounarte.blogspot.it/

        http://unpuntounarte-morena.blogspot.it/  ( Blog con schemi per punto croce ideati e creati da Morena).

Vi aspetto il prossimo mercoledì con una nuova intervista. Niki



martedì 14 maggio 2013

Intervista con Sabrina Sanseverino.

Buongiorno. Oggi vi presento Sabrina Sanseverino (Monna Lisa). Toscana, madre e moglie. Donna tenace, combattiva, generosa e con il cuore da bambina.




1- Buongiorno Sabrina. Sei una donna molto impegnata. Tutti questi impegni sono dovuti ad una tua ricerca oppure desideri confermare ciò che crei ormai da anni?

Creare bambole è la mia passione da quando ero piccola...ho iniziato a 8 anni ad amare le paper dolls...stavo a ore a ore...in camera mia dedicandomi a disegnare,ritagliare....e quando ho iniziato a cucire ...l'ho trasformate in stoffa...per cui desidero confermare la mia passione e farla conoscere e imparare sempre nuove cose ,per migliorare le mie bambole.

2- Le tue bambole sono ricercate e preziose. Da dove trai l'ispirazione quando crei un tuo progetto personalizzato?

Quando creo una bambola personalizzata l'ispirazione mi viene da dentro...è una cosa che già  immagino nella mia mente...magari mi ha colpito un illustrazione ,un disegno....e dandogli vita ci metto il mio cuore.

3- Hai cominciato a cucire a 17 anni. Pensi che la tua passione possa essere condivisa e messa in pratica anche dalle giovani di oggi?

Le giovani di oggi sono molto diverse da me...io stavo a ore a disegnare e progettare le mie paper dolls...una passione forte...non credo  che al giorno d'oggi si preferisca stare in casa e rinunciare alla libertà come prima...pero' ci sono ragazze che fanno la differenza...e sarei anche felice di insegnare questa passione...come del resto già faccio!

4- In tempi di crisi come quella di oggi, quanto è faticoso trovare dei sbocchi per farsi conoscere e promuovere un proprio prodotto?


Ormai sono anni che mi sono dedicata del tutto a questa passione ...e anche in tempi di crisi come adesso..non ho mollato anzi ,da una anno a questa parte ,le mie dolls hanno avuto più successo ..sarà perchè quando le guardi...ti ispirano subito dolcezza!

5- Hai una famiglia. I tuoi ti appoggiano e aiutano in ciò che fai?

Si ho una famiglia che adoro,il mio compagno Roberto,mia figlia Sara e mio figlio Lorenzo...loro mi seguono ovunque..anche ogni domenica sui mercatini,sugli eventi,sulle fiere...sono i miei primi sostenitori!

6- Qual'è il tuo scopo finale, creativamente parlando?

Non ho uno scopo preciso..un obbiettivo...come tante che si definiscono"arrivate"...io vado avanti a piccoli passi da cosa nasce cosa....le mie bambole sono amate ,apprezzate ,create con il cuore ..e tutto questo mi fa andare avanti...e impegnarmi ancora di più per dare il meglio.

7- Se potessi scegliere una delle tue bambole, quale sarebbe la tua preferita e perchè?

Una bambola preferita?? Sicuramente la monella ballerina!!! E' quella che oltre a essere carina e simpatica con gli occhioni è quella che piace di più alle bambine,alle ragazze...ecc..è quella che stravendo ai mercatini...di ogni misura....di ogni colore  ...ed è anche il modello che è più facile da insegnare!




Qui potete trovare altre informazioni su Sabrina e le sue creazioni:

Blog: http://www.fairymonnalisadolls.com/

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/pages/Monnalisadolls/100498556692434?fref=ts

Pinterest: http://pinterest.com/monnalisastyle/

Intervista fatta da Nikicijevic Natasha.

Vi aspetto il prossimo Mercoledì, con una nuova intervista. Niki


domenica 12 maggio 2013

Eterna figlia con il cuore di madre.

Oggi è  la festa della mamma. Ho letto tanti post belli, innamorati, nostalgici...dedicati alla propria madre. Per me è così difficile scriverne, perché mi tocca dentro l'anima fino a far male. Fa male, perché mia madre è lontana da me più di mille chilometri, perché il nostro rapporto nel passato è stato costellato da conflitti e incomprensioni, perché col passare degli anni ho sempre un bisogno viscerale di mia madre.
Pensavo che diventando grande sarei riuscita quasi a fare a meno di mia madre, perché era molto legata a lei, il solo pensiero di poterla perdere mi terrorizzava e quindi il pensiero di diventare più grande e poter essere più forte, mi consolava. Ho deciso di vivere lontana da lei, di non essere di peso a lei e nello stesso momento desideravo dimostrarle che me la sarei cavata in tutto anche senza di lei. Gli anni sono passati e sono tanti. Il pensiero di quanto è stata dura essere completamente sola, ambienti e persone sconosciute, nessuno che ti porga una mano, le notti a piangere chiamando la mamma come una bambina, badando bene che i miei figli o mio marito non se ne accorgessero....Ma ora tutto è passato...Le difficoltà, la solitudine, le incomprensioni stesse con mia madre, sembra tutto svanito nel nulla, il ricordo rimane quasi annebbiato. Ora, si fa spazio la nostalgia per l'infanzia passata con lei, le sue tenerezze, il suo amore incondizionato che ora sembra trasparire dai suoi occhi azzurri chiarissimi e dolci, più che mai.
Forse l'invecchiare porta questa conseguenza. Ci rendiamo conto che gli anni passano troppo in fretta e che tra (spero molti) anni non saremo più figlie e questo ci fa sentire perse. Oppure ci rendiamo conto di chi davvero ci ama in modo puro e sincero, senza pretese.
Quando diventiamo adulte è come se dovessimo interpretare un ruolo, quello di mogli e madri forti, equilibrate, che non sono mai state figlie o come se non lo fossimo più... ma non è così. Ad un certo punto della vita poi si arriva come ad un incrocio, uno strappo nell'anima, dove da una parte ci sono i figli che crescono e dell'altra parte i genitori che diventano anziani e tu sei lì in mezzo: madre e figlia e, ti prende il panico, senti freddo e hai paura, sei confusa e quasi stordita. Ti sembra quasi che tutto ti sfugga di mano. Ma poi, fai un respiro profondo, guardi i tuoi figli e sai, che attraverso loro, sia tua madre che tu vivrete unite per moltissimi anni e che nessuno, mai al mondo potrà cambiare questa cosa, mai!
Una cosa so per certo, che mai smetterò di dire a mia madre e ai miei figli di quanto li amo e di quanto sono fiera di loro e lo farò tutte le volte che posso. Non dovranno mai dubitare del mio amore e della mia immensa gioia nell'avere avuto una così grande fortuna che il Destino mi avesse predestinato il legame con loro in questa vita.


                                                                 
                                                                             1974




martedì 7 maggio 2013

Intervista con Susanna Tesini.

Buongiorno a tutti.
 Oggi voglio presentarvi Susanna Tesini. Susanna è una donna intelligente, di carattere e indipendente. Ama l'arte, la musica classica, il ricamo, il découpage e  la cucina creativa. Sostenitrice convinta del FAI.

                                                                Foto via Pinterest

1- Buongiorno Susanna. Ami l'arte e la decorazione. Puoi descriverci il tuo stile decorativo preferito?

Il mio stile e' sicuramente romantic-shabby ma senza troppi pizzi o colori pastello, preferisco lo Shabby ruvido di un tempo quello accidentalmente nato nell'America degli anni passati dove per puro caso le crisi hanno riabilitato il vintage ; la gente non gettava facilmente come ora anzi recuperava e cosi' ha lanciato uno stile divenuto inconfondibile ed imitatissimo con molte trasformazioni.

2- Sappiamo che grazie al tuo lavoro di hostess, hai potuto viaggiare molto. Quali luoghi ti sono rimasti di più nel cuore e perché?

L'America e l'Inghilterra, era inevitabile son cresciuta con quella testa....filo britannica... forse, ( rido) sicuramente non a caso il mio blog si chiama Victorianage e se avessi avuto una figlia l'avrei chiamata Vittoria come la Regina . Spaziando dai libri di storia alle più cupe ambientazioni di quei tempi sono arrivata ai gusti più eclettici di oggi ed ho scoperto l'importanza dei colori e da allora non posso più farne a meno.

3- I tuoi viaggi hanno influenzato la tua creatività?

Assolutamente si. Ho viaggiato nel mondo del Country dalla fine degli anni '80 e scoperto che potevo farlo mio tanto lo trovai divertente, poi il tempo , l'eta' hanno mitigato tutto, smussato scolorito e sono arrivata allo Shabby.

4- Se potessi scegliere un luogo diverso dall'Italia dove poter vivere, quale sarebbe?

 Io non mi son mai sentita italiana , sono nata a Roma nel 1957 e mi son spostata continuamente per motivi di famiglia senza mettere radici, poi appena ho iniziato a viaggiare all'estero ho intravisto nella facilita' di sistemi di vita e nella mancanza di burocrazia e molto ancora la mia versatilità verso quel mondo e mi sono allontanata emotivamente dalla mia terra cosi' contorta e difficile ormai. Sicuramente potessi , ora sceglierei senza alcuna riserva di vivere in Provenza anche dalla parte del mare del sud della Francia ...si e' li che vorrei terminare il mio percorso.

5- Sei una sognatrice? Se si, qual'è il tuo sogno più grande?

Il sogno più grande e' poter usare il più a lungo possibile le mani e gli occhi .....rinunciare alle mie passioni sarebbe un  sacrificio troppo grande!!

6- Secondo te, in Italia oggi, ci sono prospettive per chi vuole realizzarsi artisticamente e creativamente?

L'Italia inizia a da qualche anno a rincorrere e cercare di pareggiare le carenze in  questo settore; non dimentichiamo che l'Italia e' la culla dell'arte  che poco ha a che fare con la fantasia e la creatività ( a mio avviso) . L'arte e' un esercizio di stile e richiede un'attenzione particolare al significato di un dettaglio, la fantasia viaggia libera su binari più "easy" e può appartenere a molti mentre non tutti possono essere definiti "artisti".

7- Abbiamo già detto che ami l'arte, chi si può definire secondo te oggi un artista?

Oggi artista e' chi sacrifica del tempo alla conoscenza della storia , chi si lascia affascinare dal passato, che fa un percorso e sceglie la sua strada ma senza improvvisazioni. L'eredita' che abbiamo alle spalle non puo' essere ignorata altrimenti e' creatività e a volte sfora in campi assolutamente incomprensibili. Io mi fermo all'Impressionismo dopo e' calato il sipario.

Grazie del tempo che mi hai dedicato Natasha e della chance che mi offri opportunita' di scambi tra noi che non possono far altro che arricchire il nostro bagaglio.
Susanna Tesini


Questi sono i link dove potrete ammirare le creazioni di Susanna e conoscerla un po' di più:

Il Blog: http://vittoriana.blogspot.it/

Pagine Facebook: https://www.facebook.com/pages/C-H-I-C/222974411084985

                            https://www.facebook.com/pages/Allinonehand-di-Susanna-Tesini-/157041080978599?fref=ts

                            https://www.facebook.com/pages/Victorianage-di-Susanna-Tesini-/112701315483552?fref=ts



Vi aspetto il prossimo mercoledì con una nuova intervista. Niki

lunedì 6 maggio 2013

My Style - 6 Maggio

Buongiorno, con questo post concludo per il momento l'appuntamento di My Style del lunedì, per ritrovarci poi in autunno.



Il mio bracciale in pelle e ottone.




Il mio bracciale rigido in rame martellato e Agata striata.

Vi aspetto in autunno, per proseguire con la rubrica di My Style. Niki

venerdì 3 maggio 2013

Come realizzare un bracciale in pelle e ottone.

Buongiorno a tutti. Oggi vi voglio mostrare il bracciale che ho realizzato. Si tratta di una creazione che ho disegnato e poi creato ed assemblato interamente a mano. Vi spiego come ho fatto. :)




- Ho creato questo bracciale, tagliando delle strisce da 1 cm in pelle arancione di cinghialino, lunghe ca. 25 cm l'una.
- Ho lavorato ad uncinetto il filo da 0,22 mm in ottone ( non ottonato), iniziando con 15 catenelle e lavorandolo finché non si fosse creata una fascetta che potesse avvolgere i due strati di pelle, chiudendo il tutto sempre ad uncinetto.
- Finendo di assemblare la fascetta centrale ho poi avvolto la striscia inferiore attorno a quella superiore.
- Dopo il primo avvolgimento ho preso la fustellatrice per fissare con le borchie di ottone le due fascette in pelle.
-Ho avvolto ancora una volta la striscia di pelle e su entrambi i lati del bracciale ho fatto altre due fascette, partendo da 7 catenelle.
- Ho avvolto una volta la striscia di pelle inferiore sopra quella superiore.
- La parte finale da entrambi i lati delle strisce di pelle le ho sovrapposte e fissate con due punzonature, fissandole sempre con le borchie in ottone.
- Ho tagliato la pelle in eccesso e sagomato le strisce in pelle.
- Ho preso il filo in ottone da 1 mm e ho creato delle asole. Da una parte del bracciale ho messo due cerchietti di ottone da 1 mm e inserito il moschettone in ottone e dall'altra parte, ho messo 5 cerchietti in ottone.

Purtroppo le foto non rendono giustizia ai colori e alle forme reali. L'ottone lavorato ad uncinetto da un risultato finale simile alla filigrana in oro, è luminoso e si sposa bene con la pelle arancione. Un bracciale decisamente estivo, ma va bene anche nelle giornate grigie come queste, perché da allegria e calore.

Sperando di essere stata abbastanza chiara, vi auguro un ottimo week end e che il sole ci possa scaldare tutti! :)

A presto. Niki

mercoledì 1 maggio 2013

Intervista con Lauraluna Ceccolini.

Buona sera. Oggi vi presento Lauraluna Ceccolini. Una donna affascinante, forte e delicata.


Intervista di Nikicijevic Natasha


1- Buongiorno Lauraluna. Sei una donna che ama molto la moda e il design. Pensi che oggi la moda influisca ancora molto sui nostri stili di vita, come negli anni precedenti?

   Buongiorno Nat. Ti rispondo  con una citazione, secondo una definizione classica : MODA  “e` il regime del “ mutamento obbligatorio del gusto”. Improvvisamente ogni cosa diventa     regola e tutti senza aver deciso in maniera consapevole ci si trova a seguire il nuovo costume : il cellulare diventa indispensabile, la gonna non si porta più corta ma  maxi, le scarpe non sono più a punta ma arrotondate  ecc.
        Oggi non si può più parlare di moda, soprattutto per quanto riguarda l’abbigliamento. La nostra società e` cosi` frammentaria, che non si può più imporre un solo stile. 

2- Tu stessa crei accessori di moda molto apprezzati. Credi che oggi sia ancora possibile creare qualche cosa di unico e innovativo?
   Io credo di si  perché l’originalità secondo me  nasce dalla più assoluta  semplicità, l’innovazione l’unicità  si hanno nel guardare  le cose sotto una luce diversa per poi dare loro forma seguendo la propria fantasia.
3- Secondo te qual'è il limite del buon gusto nella moda oggi?

 Io penso che il buon gusto sia  un discorso soggettivo:  ciò che per me è assolutamente volgare può essere per un’altra  persona il massimo della raffinatezza, detto ciò, credo anche che troppo spesso  gli eccessi della moda siano confusi con la massima espressione dell’estro creativo di uno stilista… dovremmo imparare a GUARDARE  e non solo  a VEDERE ciò che la moda ci propone, a valutare se  il trend del momento è    qualcosa   che aumenta la nostra  femminilità il nostro fascino o ci rende  solo e pateticamente ridicoli… purtroppo lo stile o ce l’hai o non ce l’hai, di conseguenza  puoi  anche vestire  all'ultima moda con l’abito  più costoso del mondo  ed apparire una poveraccia. La Moda dà delle indicazioni spesso anche eccessive ed immettibili, sta a noi ripeto valutarne  l’utilizzo personale e l’effettiva mettibilità.

4- Ti definisci una persona dolce e testarda, queste carrateristiche ti hanno portato più vantaggi o svantaggi nella sfera creativa?

       Sono caratteristiche  tipiche del mio segno zodiacale e nelle quali  mi riscontro perfettamente:  sia l’una che l’altra  mi hanno portato solo  vantaggi e spiego perché: la “ dolcezza”   mi ha permesso  di interagire  con l’esterno in maniera amichevole e  paritaria instaurando  con tutti un rapporto  sincero e leale che spesso è andato e va,  al di là della  sfera puramente  commerciale; la “ testardaggine”  mi  ha  permesso di  portare avanti degli studi nel campo    del Costume  e della Moda  quando già avevo preso un diploma  di ben  altro tipo ( tecnico Commerciale) seguendo il volere dei genitori, mi ha permesso di   iniziare  timidamente    nel mondo della creatività  portando avanti un sogno che avevo da sempre, mi ha consentito  di tuffarmi nei colori e nei filati  per dar forma a degli accessori ogni  qual volta seppur stanchissima rientro a casa dopo una giornata di lavoro  e di impegni e voglio staccare da tutto entrando nel mio mondo colorato…..

5- Ritieni che il ruolo delle donne sia cambiato nell'ultimo decennio? E se si, in che modo?

   Certo sono stati fatti moltissimi passi in avanti  ma molto c’è ancora da fare  pur se questa frase  è stata ed è troppo usata, non è un segreto il fatto che  nei paesi dove le quote rosa hanno raggiunto un più alto impiego l’economia  vada meglio; io sono sempre stata del parere che valorizzando la  donna nel campo del lavoro si possa andare poi   verso la direzione dello sviluppo per tornare a crescere ed essere competitivi.

6- Credi nell'alleanza tra le donne?

      Io ci credo  profondamente ma anche qui ho imparato  nel corso degli anni che tutto dipende   dal singolo individuo:  non esiste secondo  me  un’alleanza  in quanto appartenenti allo stesso sesso ( dovrebbe essere  vero allora anche per il genere maschile ed invece sappiamo che è competitivo al massimo ), esiste  una  sorellanza di valori, di ideali, d’intenti, di progetti, di battaglie , di obiettivi che se messa in atto e se trova condivisione   fra noi , crea  qualcosa  di potente e di assolutamente dirompente:  il segreto però è porsi  con semplicità , tendendo la mano e non mettendosi sulla difensiva  come a volersi proteggere da una possibile rivale…. Se questo accade significa  che dentro di noi c’è qualche problema irrisolto,  qualche  senso di  inadeguatezza che ci fa vedere  le altre donne come possibili nemiche.

7- Credi nell'oroscopo. Tu stessa sei del Cancro. Di che segno zodiacale potrebbe essere la moda di oggi e perchè?


Ci credo moltissimo, mi piace consultarlo anche se non ne sono assolutamente ossessionata e secondo me la  Moda  di oggi potrebbe essere del segno dell’ACQUARIO  il segno che più di ogni altro ama la libertà è insofferente per ogni tipo di imposizione, di limitazione, di vincolo di ogni tipo un segno  anarchico e  indipendente….  Le motivazioni sono proprio queste  la moda di oggi non ha regole ognuno si veste  e appare   come vuole.



Pagine Facebook di Lalù:  https://www.facebook.com/pages/Le-Creazioni-di-LALU/110421685715461

https://www.facebook.com/pages/Knitting-Relay/141668129261835

Al prossimo mercoledì con una nuova intervista. Niki
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Pin It button on image hover